L’arte del cucito

Quello del cucito è un hobby creativo e utile che consente di confezionare direttamente a casa propria gli abiti che si desidera indossare. Oltre all’enorme soddisfazione di realizzare con le proprie mani vestiti, camicie, pantaloni e tutto ciò che possiamo desiderare, il vantaggio economico è indubbio, soprattutto in relazione alla qualità: un abito acquistato in negozio secondo gli ultimi trend della moda ha solitamente un sovrapprezzo dovuto al marchio e alla stagionalità, senza riguardo per il reale valore del capo quanto a materiali e tessuti. Realizzare da zero un abito significa scegliere le stoffe migliori per qualità, personalizzandone al massimo la fantasia e soprattutto ottenere un vestito su misura che sia appositamente creato per valorizzare tutti i nostri punti forti e nascondere eventuali difetti. Il gusto e le esigenze personali possono essere soddisfatti al massimo grado, con il vantaggio di possedere un capo assolutamente unico e originale.

Come usare un cartamodello

Come realizzare dunque i propri abiti? Nella realizzazione del modello bisogna aiutarsi con un prezioso alleato: il cartamodello. Si tratta di una rappresentazione su carta dei vari pezzi di tessuto che andranno cuciti insieme per comporre il vestito in questione. È possibile realizzarli autonomamente, il che richiede pratica ed esperienza, oppure acquistarli già pronti, adattandoli alle proprie misure. Esistono cartamodelli per realizzare qualsiasi tipo di vestito da donna, uomo o bambino, dalle semplici t-shirt ai vestitini, dai costumi di carnevale agli abiti da sposa, dalla biancheria alle camicie. Spesso si trovano online vecchi cartamodelli di abiti dallo stile vintage, visto che in passato le riviste di cucito con cartamodelli e istruzioni erano molto in voga. Questi sono acquistabili per meno di 1 € e vi garantiranno abiti dallo stile raffinato. Sempre al mondo del vintage appartengono i cartamodelli che raggiungono online le cifre più alte: rari esemplare anni ‘50 firmati Givenchy possono superare i 100 €.

Una volta acquistato il cartamodello corrispondente al modello che intendiamo realizzare, bisognerà utilizzarlo per ritagliare i pezzi di stoffa necessari allo scopo. Un gessetto da sarta servirà a tracciarne i contorni sulla stoffa, facendo attenzione alle indicazioni sul tessuto da utilizzare, drittofilo e margine di cucitura. È fondamentale appoggiare il cartamodello nel modo esatto, su un solo strato di stoffa o su due, facendo combaciare in questo caso le cimose, cioè il bordo rifinito della stoffa. Seguire il drittofilo consente di realizzare capi dalla buona vestibilità. Per tagliare la stoffa senza errori, l’ideale è appuntare il cartamodello con degli spilli prima di tracciarne la sagoma col gessetto. Le forbici devono essere adatte e affilate per evitare che la stoffa si sfili o si rovini. Una volta che tutti i pezzi saranno tagliati non resterà che unirli seguendo le istruzioni.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda