Carburatore o iniezione elettronica

Il carburatore fu inventato, nel 1876, da un italiano: Luigi De Cristoforis. Dopo quasi 150 anni, il suo intuitivo processo di funzionamento è ormai diventato noto alla stragrande maggioranza delle persone. Eppure sono gli addetti del settore, meccanici di professione e semplici appassionati, a conoscere davvero i segreti del motore e della dinamica della carburazione a miscela di aria e benzina. Sono tanti i margini di intervento su un Vespa d'epoca o un modello storico filtro che è responsabile in gran parte del corretto funzionamento della moto.

Qui un sistema meccanico che si governa con il filo dell'acceleratore regola l'immissione di aria e la nebulizzazione e polverizzazione del carburante, che così brucia e viene convogliato verso il pistone sotto forma di gas.

Le parti da tenere sotto controllo

Perché il motore venga alimentato deve avvenire la combustione di aria e benzina in percentuale variabile a seconda del livello di carburazione dal regime minimo, medio fino agli alti regimi. Tipicamente, nel carburatore a combustione il filtro dell'aria della moto è dotato di filtro dell'aria sia sempre ben pulito e che venga sostituito periodicamente per assicurare la giusta operatività al motore.

Il costo da sostenere per farsi sostituire il carburatore dal meccanico possono essere proibitivi; ma chi ha la passione per la meccanica può provare a cimentarsi da solo nella riparazione acquistando separatamente i pezzi (da 20 € a 200 €).