Le diverse tipologie di caminetto

Passare una serata davanti al fuoco del caminetto è un sogno per tanti, innamorati dell’immagine romantica suscitata da questo elemento architettonico. Come fare a scegliere un caminetto moderno adatto alle proprie esigenze? Per orientarsi nel mondo dei caminetti, si può fare una distinzione tra i diversi combustibili, ovvero legna, gas, bioetanolo e la versione elettrica.  

Caminetto a legna

Partiamo dal caminetto a legna, quello più classico e conosciuto. Il caminetto a legna viene solitamente realizzato in muratura o mattoni refrattari e viene posizionato contro una parete della stanza. L’aspetto vitale di questo modello è certamente la canna fumaria, che dovrà essere adeguata in altezza per permettere la giusta areazione della stanza. I vantaggi dei camini a legna sono da riscontrare proprio nel combustibile, in quanto il legno risulta piuttosto economico, tuttavia richiede manutenzione e pulizia periodica per funzionare con efficienza. Anche i prezzi non sono dei più convenienti: per un buon caminetto a legna bisogna essere disposti a spendere circa 2.000 €. 

Caminetti prefabbricati

Una soluzione a questo inconveniente è rappresentata dalla scelta di camini prefabbricati, composti da elementi già predisposti e quindi di semplice montaggio. Questi camini si possono trovare anche a 300 € per i modelli base. 

Camino a bioetanolo

Recentemente, è entrato tra le opzioni del mercato il camino a bioetanolo. Si tratta di un alcool etilico biologico, sotto forma liquida, ricavato dalla fermentazione di biomasse vegetali, come mais, orzo e barbabietole da zucchero. Con due litri di bioetanolo è possibile riscaldare un ambiente di 402 per circa tre ore, ottenendo un calore medio-alto.Da un punto di vista strutturale, al contrario del camino a legna, il camino a bioetanolo non necessita di canna fumaria grazie all’assenza di fumi evitando anche la dispersione di calore. I vantaggi di questo modello sono molteplici, ma in particolare il rispetto per l’ambiente, per la  mancanza di emissioni e la facilità di installazione. Il prezzo è sicuramente accessibile, aggirandosi tra i 500 € e i 600 €.

Caminetti a gas ed elettrici

Per completare questa panoramica, un accenno ai caminetti a gas e ai camini elettrici. Per quanto riguarda il modello gas, non è altro che un camino a legna modificato, nel cui chassis è stato introdotto un bruciatore a gas. Questa modifica consente un più semplice utilizzo del camino, soprattutto per chi non ha dimestichezza con la legna. Attenzione ai costi, che non scendono sotto i 1.000/1.500 €.
Infine il caminetto elettrico non produce una vera fiamma ed è ideale per chi desidera solo alcune ore di riscaldamento al giorno. Alcuni possono essere appesi alle pareti come dei quadri, arredando la stanza con gusto e design.