Bombole e compressori per sub, scuba divers e snorkeling: tutto quello che c’è da sapere 

La bombola subacquea è essenzialmente un contenitore caricato con aria compressa, necessario a sub e divers, per portare una riserva di gas respirabile durante un'immersione. Solitamente il gas in questione è costituito semplicemente da aria, ma oggi sempre più spesso si utilizzano gas puri, classificati come miscele binarie o ternarie. La scelta della bombola dipende dal tipo di immersioni per le quali è destinata. Per immersioni in acque poco profonde (entro i 40 m), le bombole sono caricate con il Nitrox, una miscela di aria, contenente una percentuale maggiore di ossigeno rispetto all'aria che respiriamo; per immersioni oltre i 50 m è più indicato l’utilizzo del Trimix, una miscela composta da ossigeno, azoto ed elio, molto diffusa soprattutto per il suo costo moderato.In commercio esistono bombole di diverse dimensioni (da 5 a 18 litri), la cui capacità varia in base alla pressione per cui sono realizzate: quelle di ultima generazione, realizzate in lega d’alluminio o di acciaio, sono in grado di contenere pressioni fino a 200 bar. Essenziale per il trasporto delle bombole e per assicurare al sommozzatore un'immersione in tutta sicurezza, è il GAV (Giubbetto ad Assetto Variabile), la cui funzione principale è quella di fornire un ausilio al galleggiamento e di controllare l’assetto idrostatico durante l’immersione.   Per quanto riguarda i prezzi, questi variano a seconda della capienza, del materiale e della condizione del prodotto, quindi se si tratta di un dispositivo nuovo, usato o ricondizionato. I prezzi per un modello usato partono da 18 €, fino a raggiungere i 700 € per l’acquisto di una bombola doppia nuova, completa di erogatore e manometro.

Il compressore: a cosa serve e quale scegliere

Il compressore da immersione è tra gli articoli per sub, scuba e snorkeling quello più costoso.Diversi sono i modelli a disposizione. È possibile acquistare apparecchi mobili, di piccole o grandi dimensioni, a seconda della destinazione d’uso, che sia professionale o amatoriale.Esistono due principali categorie di compressori da immersione: modelli che forniscono aria a bassa pressione (da 10 a circa 30 Atm) e modelli di ultima generazione che forniscono aria ad  alta pressione (da 200 fino a circa 500 Atm). Sono disponibili anche compressori oil free, chiamati così perchè utilizzano particolari accorgimenti che ne consentono la lubrificazione senza uso di oli, che possono provocare problemi di eventuale tossicità dell'aria o dell’ambiente in cui possono essere riversati.  I costi dei compressori sono piuttosto elevati, variano da circa 900 € per i modelli usati, fino a 5.000 € per compressori ad alta pressione dei marchi leader del settore come Coltri o Bauer.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda