Banconote del Regno d'Italia: oggetti storici da collezione

Il Regno d'Italia fu fondato nel 1861 dopo la seconda guerra d'indipendenza e terminò nel 1946 in seguito a un referendum istituzionale. Si possono consultare varie testimonianze di questo periodo storico come dipinti, scritti, oggettistica varia e anche banconote. Collezionare banconote è una passione molto diffusa tra gli amanti della storia. Non sono presenti solo articoli relativi al Regno d’Italia, ma si possono collezionare anche banconote della Repubblica Italiana o banconote italiane di altri periodi. Nonostante alcuni collezionino questi articoli per puro interesse storico, è bene ricordare che una buona raccolta può acquisire nel tempo un discreto valore economico.

Come capire il valore di una banconota

Il valore di una banconota dipende da diversi fattori. Tra questi i più importanti sono la rarità e la richiesta del mercato. Infatti un articolo può essere antico ma non molto ambito dai collezionisti se facilmente reperibile sul mercato. Ad esempio, una banconota del Regno d'Italia potrebbe valere di piú rispetto a banconote di altri periodi storici più recenti. Questo non vale solo per le banconote italiane ma anche per le banconote europee o di altri continenti.

Il numero di banconote storiche in circolazione ne stabilisce il valore di mercato. Per questo motivo, vi sono alcune banconote recenti che possono valere molto di più rispetto ad altre più datate.

Un altro parametro importante da considerare è lo stato di conservazione. Un pezzo perde valore se sono presenti tracce di usura, segni, macchie o sporcizia. Un biglietto perfettamente conservato non deve presentare pieghe o grinze. La carta deve essere quanto più possibile rigida, non consumata e con colori intensi. Gli angoli devono apparire appuntiti e non arrotondati e i bordi integri e senza strappi. Tutto questo può decadere se si tratta di un pezzo molto raro e non reperibile nella sua forma integra.

Per capirne il valore e per conservarle al meglio, può essere utile acquistare dei cataloghi e accessori per monete e banconote.

Che banconote acquistare

La scelta del pezzo da acquistare dipende soprattutto dal proprio budget. Le banconote più economiche hanno prezzo che partono da meno di 1 €. I pezzi meno cari, sono perfetti per chi desidera iniziare da zero a collezionare monete e banconote.

Quelli più costosi possono superare anche i 29.000 €. Tra questi citiamo la Banconota da 25 Lire di Vittorio Emanuele III del 1902, molto conosciuta da tutti gli appassionati. O, ancora, le 200 lire della Banca Toscana di Credito di Firenze del 1880. Si tratta di articoli riservati ai collezionisti più accaniti.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda