Sviluppare una pellicola fotografica a casa

Lo sviluppo della tecnologia dei dispositivi per l’acquisizione e la stampa di immagini ha favorito la diffusione della fotografia digitale, ma il fascino del vintage e l’espressività legati all’uso della pellicola catturano ancora l’attenzione di molti fotografi amatoriali e professionisti. Lo sviluppo delle foto scattate con una fotocamera analogicarichiede i giusti strumenti, alcuni prodotti chimiciper la camera oscura e l’allestimento di una stanza apposita, in cui si abbia accesso preferibilmente ad acqua corrente. La procedura non è particolarmente complessa e con qualche piccolo accorgimento è possibile eseguirla anche a casa. Dopo aver sviluppato personalmente la pellicola, è possibile stampare le proprie fotografie acquistando i fissativi e la carta fotograficadi una marca compatibile con gli altri articoli, specifica per il bianco e nero o la stampa a colori.

Allestire la camera oscura: cosa acquistare

É molto importante ricordare che le operazioni necessarie ad imprimere un’immagine sulla pellicola fotografica, quindi i vari bagni negli agenti chimici, sono da eseguire in una stanza che sia completamente buia: anche il più piccolo spiraglio di luce può generare un effetto di appannamento sulla pellicola o rovinare completamente il risultato. Sebbene gli strumenti professionali per fotografi non siano sempre economici, quelli strettamente necessari per la riuscita del processo di sviluppo non sono molti: una volta acquistato l’ingranditore(a partire da 150 € circa) con i vari obiettivia seconda delle esigenze, ciò che resta da procurarsi sono una lampada di sicurezza, per assicurare la visibilità senza danneggiare la pellicola, delle bacinelle (o tank) per l’immersione nei prodotti chimici a prova di luce e pinze per la fase di asciugatura. Può essere di grande aiuto, anche se non indispensabile, avere un timerspecifico per camera oscura.

Prodotti chimici e accessori per lo sviluppo

La scelta degli articoli per lo sviluppodelle foto dipende dall’esperienza di chi deve eseguire l’operazione, dal risultato che si vuole ottenere e dal budget, ma in linea di massima un kit per lo sviluppo di foto contiene già il necessario, dalle bobine per avvolgere la pellicola prima dell’immersione nella tank con il rivelatore, a caraffe e bottiglie per la miscelazione e conservazione dei reagenti. I prodotti chimici necessari alla riuscita della reazione che permetterà di imprimere la pellicola sono due: un rivelatore e un prodotto per il fissaggio. L’utilizzo di un reagente che blocchi la reazione tra un lavaggio e un altro è facoltativo, poiché basta aggiungere acqua per fermare il processo. Dopo aver eseguito in ordine l’immersione nel rivelatore, il fissaggio e la fase finale di lavaggio, a cui prestare particolare attenzione, non resta che stendere la pellicola per l’asciugatura.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda