Compressore d’aria: funzionamento

Ci sono molti lavori, alcuni dei quali molto semplici, che si possono fare con una marcia in più e con più facilità. Pulire le pareti esterne, l’automobile o la moto, la bici, avvitare e trapanare sono alcune operazioni che, con l’ausilio di un compressore d’aria, possono essere eseguite con maggior efficacia.

Ma cos’è e come funziona? È un utensile da garagemolto semplice, spesso acquistabile a un costo contenuto, trasportabile e facile da utilizzare anche per chi non ha esperienza nel fai da te.

Esistono due diverse categorie di compressori, ma quelli più comuni a livello domestico e spesso professionale sono i modelli volumetrici. Possiedono alcuni componenti simili ai motori delle auto, come il filtro dell’olio e un pistone alimentato da energia elettrica.

Spesso il motore di un compressore tende a fermarsi e questo accade quando viene raggiunta la compressione necessaria o la quantità da incamerare.

Si tratta di uno strumento che richiede una costante manutenzione per poter funzionare al meglio e a lungo.

Come scegliere un buon modello

La scelta non è difficile e, se si è in cerca di un modello d’emergenza per gonfiare le ruote dell’auto, sarà facile trovarne uno di buona qualità e a poco prezzo.

Se si eseguono sporadicamente dei piccoli lavori in casa, un compressore con poca capienza sarà l’ideale, così come la potenza del motore non dovrà essere esagerata.

Quelli elettrici sono da preferire per un utilizzo domestico, perché hanno sufficiente potenza e non consumano troppo.

I compressori con la capienza minima hanno solitamente un limite di 6 litri, anche se alcuni modelli superano tranquillamente i 50 litri, pur rimanendo adatti a un uso domestico. Questa tipologia, conosciuta anche come compressori a singolo stadio, è soggetta a interruzioni atte a incamerare la quantità d’aria sufficiente, ovviamente in base all’utilizzo che ne viene fatto.

Compressori portatili da 12V

I compressori portatilisono a corrente alternata oppure anche a corrente continua, mentre la loro potenza è nella maggior parte dei casi limitata a 12V, ideale per utilizzarli in condizioni di emergenza o per piccoli lavoretti. Al fine di poterli trasportare agevolmente, le loro dimensioni sono quanto più ridotte possibile e il prezzo minimo si aggira intorno ai 5 €. Con questa spesa si può acquistare un mini compressore da 12V, elettrico, da collegare all’accendisigari, utile per gonfiare pneumatici e piccoli oggetti. Un modello Michelin di alta qualità, multifunzione, programmabile, con manometro numerico, presa USB e peso di poco superiore a 1 Kg, costa circa 70 €.