Domande frequenti

1. Sono un privato/azienda, voglio fare un’asta e devolvere il ricavato ad una associazione, cosa devo fare?


Le aste di beneficenza sono aperte solo alle associazioni no-profit, privati e aziende possono fare aste di beneficenza se si accordano prima con l’associazione beneficiaria, che invierà un’autorizzazione per consentire alla persona/azienda di pubblicare l’asta. Importante: il 100% del ricavato dalla vendita deve andare in beneficenza.


2. Cosa succede una volta chiusa l’asta?


Il sistema aggiudicherà automaticamente l’oggetto all’utente che ha offerto la cifra maggiore. Una volta ricevuto il pagamento, l’organizzatore dell’asta dovrà occuparsi di comunicare con il vincitore e spedire l’oggetto. Per maggiori informazioni, vai allo Spazio Venditori su eBay.


3. Gli oggetti messi all’asta compariranno anche tra le altre inserzioni sul sito?


Si, le inserzioni saranno presenti all’interno della piattaforma eBay come tutti le altre, in più, godranno del beneficio della gratuità e otterranno maggiore visibilità attraverso la pagina Aste di Beneficenza.


4. Cosa succede se l’oggetto messo all’asta viene aggiudicato ad una cifra inferiore al suo valore commerciale?


Non è possibile ritirarsi da un’asta. Qualsiasi sia la cifra raggiunta, l’oggetto dovrà essere aggiudicato al vincitore.


5. Si può specificare un prezzo di riserva per l’oggetto messo all’asta?


No, per le aste di beneficenza, non è possibile specificare un prezzo di riserva. (Il prezzo di riserva è il prezzo sotto il quale un'asta non può essere aggiudicata).


6. Che cos’è la base d’asta?


La base d’asta è l’offerta minima di partenza di un’asta. Per le aste di beneficenza, consigliamo di far partire l’asta da una base minima di 1 Euro.