Videogiochi: dalle origini alla rivoluzione PlayStation

  • 265

La storia dei videogiochi inizia alla fine degli anni Quaranta, ma è al termine degli anni Sessanta che appare il primo prototipo di console, la Brown Box, che permette di giocare a tennis o a tiro al bersaglio dallo schermo tv con una grafica decisamente minimal. A questo modello si aggiunge poi la prima “periferica”, una pistola ottica con alcuni titoli ideati appositamente per il suo utilizzo.

Con gli anni Settanta arriva la prima vera console, la Atari, diventata famosa grazie al videogioco Pong: ben lontano dalla grafica dei videogame di oggi, presentava sullo schermo nero una linea tratteggiata bianca, una pallina per di più quadrata, e due barrette laterali che simulavano i giocatori di ping pong.

Gli anni Ottanta rappresentano l’età dell’oro per i videogiochi. È in quel periodo che nascono i cosiddetti “sparatutto” a scorrimento, i primi simulatori di guida a colori e le avventure grafiche; ma soprattutto i primi giochi con grafica tridimensionale (anche se ben diversa da quella che conosciamo oggi). Sono questi gli anni di titoli famosi come Pole Position, Mystery House, Arkanoid e Pac-Man. Ed è in questo periodo che fa per la prima volta la sua comparsa Mario.

Sul finire di questo decennio, ecco poi la vera rivoluzione con l’introduzione sul mercato delle “cartucce” per console come Nintendo Entertainment System (NES) e Sega Master System. I titoli più famosi in commercio sono Alex Kidd per Sega e Donkey Kong e Super Mario Bros per Nintendo. Con l’introduzione del Super Nintendo e della sua rivale più temuta, la console Sega Mega Drive, gli anni Novanta registrano il boom dei giochi per console. Escono Dragon Quest, Sonic, Golden Axe, Super Mario World, The Legend of Zelda, Fifa che ancora oggi restano nell’immaginario.

Ma è nel 1995 che inizia la vera rivoluzione: sul mercato arriva la prima console prodotta dalla Sony, la PlayStation. Con i suoi videogame disponibili su cd-rom e memory card per il salvataggio dei dati di gioco, garantiva infatti prestazioni superiori alle altre, in particolare per i giochi 3D.

Da quel momento, il mondo dei videogiochi è totalmente cambiato: grafica, accessori, titoli… Tutto è diventato sempre più coinvolgente, evolvendosi ad ogni nuova uscita. Basti pensare a titoli come Pro Evolution Soccer (Pes) o Call of Duty e Assassins Creed ma soprattutto alla possibilità, introdotta dalla Sony proprio per Playstation, del “bundle”. Si tratta di pacchetti che prevedono l’acquisto della console insieme ad alcuni titoli particolari. Basta pensare agli ultimi bundle per Playstation 4 come Sports Fifa 16 oppure a quelli in edizione limitata come PS4 con Star Wars Battlefront o Call of Duty .