La seconda giovinezza del vinile: da oggetto vintage per nostalgici a supporto preferito dagli appassionati di musica
Dopo l’avvento del CD, il vinile sembrava destinato al baule dei ricordi: il tipico oggetto che i nonni avrebbero descritto con parole nostalgiche ai propri nipoti. In realtà, questo supporto ha sempre conservato una piccola ma fedele nicchia di appassionati e oggi sta ritornando in auge, cavalcando una generale tendenza alla riscoperta della musica analogica rispetto a quella digitale. Infatti, se negli anni scorsi il vinile era soprattutto amato da collezionisti e nostalgici dei “bei tempi andati”, oggi è sempre più considerato dagli amanti della musica, che apprezzano il calore del suono analogico rispetto alla freddezza del suono digitale. Grazie al vinile è possibile anche riscoprire un rapporto più ragionato con le opere musicali, rispetto all’approccio bulimico caratteristico dei servizi musicali in streaming e delle loro sterminate playlist, e ammirare la bellezza artistica di copertine e libretti, che in alcuni casi sono dei veri e propri capolavori che si abbinano perfettamente alla musica contenuta nel disco.

Impianti ad alta fedeltà per sfruttare al meglio le potenzialità del vinile
Naturalmente, per poter apprezzare al meglio la propria collezione di vinili, è fondamentale l’acquisto di un buon giradischi. Oggi ne esistono di vari modelli e si può decidere di cercare un impianto di seconda mano oppure di ricorrere a modelli di nuova produzione. Non mancano le opzioni adatte agli utenti più tecnologici che desiderano un giradischi che si possa collegare al computer via USB o non vogliono rinunciare alla purezza del suono e desiderano sfruttare standard professionali come il Digital Vinyl System. Anche la ricerca di ricambi e accessori è molto più facile rispetto al passato: non si è più costretti a percorrere tutti i mercatini dell’usato per trovare la puntina adatta al fedele compagno di scorribande musicali! 

Come costruire o completare una collezione musicale di tutto rispetto
Dal glam rock internazionale al rock alternativo, dai 33 giri ai 45 giri, oggi è possibile trovare sul mercato vinili per tutti i gusti e tutte le tasche, con costi che variano dai pochi euro alle centinaia o addirittura migliaia di euro delle edizioni più rare. Esistono anche interessanti lotti di pezzi usati che sono perfetti per iniziare la propria collezione e, avendo un po’ di fortuna, per trovare qualche rarità. Anche i dj professionisti hanno a disposizione un’ampia scelta per animare le serate e riempire le piste da ballo. È inoltre possibile iniziare i propri figli fin da piccoli alle gioie del vinile grazie alle collezioni di dischi per bambini (magari nascondendo il magone che si prova all’ascoltare di nuovo la sigla del nostro cartone animato preferito dell’infanzia).