Ne hai uno da vendere?

Fallo vedere a milioni di acquirenti

Vernice, pittura o smalto?

Nella casa in cui viviamo prima o poi si rende necessario pitturare una porta in legno, un mobile, una parete, oppure verniciare un cancello. Che prodotti usare? Vernice, smalto o pittura? Per fare la scelta giusta scopriamo le proprietà di questi prodotti vernicianti.

La vernice è composta da sostanze che formano sulla superficie una pellicola aderente e regolare.

Quando alle sostanze della vernice sono aggiunti i pigmenti (coloranti), la pellicola o film diventa coprente definendosi pittura.

Lo smalto è particolarmente apprezzato a livello estetico in quanto è una pittura di finitura (ultima fase della verniciatura) che, una volta essiccata, forma sulla superficie un film di particolare durezza e regolarità. Le varie tipologie disponibili possono donare un aspetto brillante, satinato o anche semilucido.

Il tipo di resina impiegato e la presenza di additivi ne modificano quindi il comportamento e l’aspetto; ciò crea una gamma di vernici e smalti per impieghi diversi.

Manutenzione del legno

Con il tempo, la porta o lo steccato in legno del giardino tendono a mostrare i segni di usura del tempo. Se il legno è allo stato naturale e vogliamo conservarne l’aspetto, useremo una vernice impregnante che non lo copre ma, appunto lo protegge senza isolarlo dall’ambiente. In questo modo il legno diventa idrorepellente ma rimanendo permeabile al passaggio dell’aria; per questo motivo, col passare del tempo non vedremo sollevarsi veli e sarà sufficiente ripassare l’impregnante per la normale manutenzione.

Vogliamo invece dargli un colore? Usiamo un impregnante già additivato di coloranti oppure una pittura per legno del colore preferito, dal rosso al nero al verde.

Se il legno ha già una vecchia vernice, soprattutto se questa si presenta rovinata, bisognerà eliminarla con uno sverniciatore prima di qualsiasi trattamento; se è molto rovinata si può ricorrere alla carta vetrata.

Il mordente

Possiamo scegliere di dare una colorazione al legno applicando il mordente: si tratta di una polvere di grani cristallini solubili in acqua che fissano il colore sulla superficie del legno. La loro maggiore o minore concentrazione determina il colore: noce, noce scuro, mogano, ebano, ciliegio. Successivamente si applicano impregnante o vernice trasparente.

Manutenzione del ferro

Nel caso di un cancello in ferro, bisognerà prima eliminare la ruggine con carta vetro o con spazzole d’acciaio, poi dare una mano di antiruggine e quindi passare lo smalto per ferro. Se vogliamo, possiamo dimezzare il lavoro utilizzando un solo prodotto, il convertitore di ruggine, che fa da antiruggine e da smalto. Nel caso dello zinco o della plastica, sarà necessario applicare il primer, un aggrappante per consentire la verniciatura altrimenti impossibile. Ogni vernice è applicabile a pennello, a rullo con prezzi intorno a 1 € al litro oppure spray, 2 € per 1000 ml.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda