Limitare i consumi energetici 

Il risparmio energetico è diventato ormai un imperativo nell'epoca in cui viviamo. Non solo per una questione di portafoglio, ma soprattutto per motivi ecologici. Le risorse del pianeta non sono inesauribili, la popolazione mondiale è in continuo aumento e il fabbisogno energetico pro capite ha subito un'impennata negli ultimi decenni. Il passaggio all'uso di fonti rinnovabili appare lento e ostacolato dalle lobby del petrolio. Dunque, abbiamo tutti l'obbligo morale di consumare meno energia. Dall'illuminazione a led alla coibentazione delle case, dai motori delle auto ai nuovi elettrodomestici, tutto deve essere orientato al risparmio delle risorse. 

Ridurre l'inquinamento 

Una delle maggiori fonti d’inquinamento atmosferico da polveri sottili è il riscaldamento domestico. Gli sforzi che sono stati fatti negli ultimi anni per arginare questo problema vanno sostanzialmente in tre direzioni. La produzione di infissi che forniscano un buon isolamento termico. Questi, oltre a evitare la dispersione di calore durante l'inverno, mantengono più fresca la casa d'estate, riducendo l'uso dell'aria condizionata nelle giornate torride. Gli stessi benefici si ottengono con una buona coibentazione delle mura di casa. I nuovi rivestimenti isolanti contribuiscono a mantenere il caldo d'inverno e il fresco d'estate. Il terzo elemento che favorisce un considerevole risparmio energetico è il termostato per caldaie. 

Termostati per caldaie 

Questo piccolo oggetto consente di regolare la temperatura di case e uffici in maniera semplice e ottimale consentendo una notevole riduzione degli sprechi. I termostati digitali, che hanno ormai soppiantato quelli analogici, consentono di programmare la temperatura desiderata a seconda delle fasce orarie e, nel caso di alcuni modelli, anche per i giorni dell'intera settimana. Un appartamento che rimane vuoto per dieci ore al giorno non ha bisogno di essere riscaldato per tutto l'arco della giornata e con i nuovi termostati programmabili, si può impostare l'ora di accensione della caldaia in modo che la casa sia calda solo quando necessario. Insomma, mai più rientri in ambienti ghiacciati o risvegli in camere gelate e, soprattutto, niente sprechi.In commercio si trovano anche termostati digitali wireless o GSM. Questi modelli, che possono essere azionati a distanza, sono particolarmente indicati per le seconde case. Con il termostato senza fili possiamo infatti decidere l'accensione della caldaia tramite un'applicazione direttamente dallo smartphone. Quelli con GSM vengono invece gestiti tramite SMS. Sul mercato si trovano diversi modelli, dai marchi meno noti a quelli più affermati (Honeywell, Siemens, Vimar), i prezzi variano dai 20 € per un termostato meccanico ai 280 € per la versione wireless.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda