Scegliere un tavolo consolle per la sala da pranzo

Quando si devono scegliere gli articoli per l'arredamento della sala da pranzo, le possibilità di configurazione sono molteplici. Si può optare per l’arredo classico che prevede il tavolo da pranzo, come elemento centrale e predominante, oppure si può scegliere una soluzione ibrida che renda la stanza una via di mezzo tra zona giorno e salotto. Questa seconda opzione è perfetta per chi si trova con meno spazio in casa e quindi preferisce un ambiente polifunzionale, che sia al contempo di stile fresco e moderno.

Una buona idea in questo caso è quella di posizionare un tavolo consolle, che può fungere sia da complemento d’arredo (quando rivolto contro il muro) sia da mensa minimal (quando installato al centro della stanza), ideale per un piccolo aperitivo o per la colazione.

Modello fisso o allungabile

Esistono diversi modelli di consolle, pensati per le svariate esigenze di spazio e funzionalità. La prima grande distinzione è tra consolle fissa e allungabile. Come intuibile, la differenza sta nella possibilità di aumentare la superficie del piano.

Scegliendo un tavolo allungabile si potranno avere le stesse comodità di una semplice consolle da ingresso, combinate alla praticità di un tavolo da pranzo.

Per ottenere il massimo da questo oggetto d’arredo, potreste considerare delle caratteristiche aggiuntive e scegliere tavoli con ripiani o consolle per sala da pranzo con cassetti che permettono di ampliare le possibilità decorative, supportando vasi, libri o statuette o semplicemente creando “zone segrete” dove riporre piccoli effetti personali come oggetti o album fotografici.

I diversi materiali

Giungendo ai materiali, come accade per altri tavoli, essi influenzano enormemente sia lo stile generale dell’arredo, sia il budget da prevedere per l’acquisto.

Tra più popolari, c’è il truciolato con effetto legno, grazie alla sua capacità di mantenere esteticamente l’aspetto del legno, ma riducendo nettamente i costi. Infatti, per il truciolato si parte dai 40 € fino ai 1000 €, mentre per una versione in massello non si scende sotto 120 € e si superano abbondantemente i 1200 €.

In entrambi i casi, si tratta di soluzioni altamente versatili che consentono utilizzi differenti e perciò si rivelano un’ottima scelta per chi intende investire in un articolo in grado di soddisfare esigenze diverse.

Tutt’altra storia per il vetro, materiale molto elegante e raffinato che farà certamente brillare la stanza grazie ai giochi di riflessi e trasparenze. Per contro, il suo utilizzo è un po’ più limitato: perfetto come supporto e consolle fissa, ma poco pratico da spostare per trasformarlo in un tavolo da pranzo. La scelta del vetro deve dunque basarsi su una precisa estetica della casa, ricordandosi di dedicargli la giusta manutenzione e pulizia perché risulti sempre scintillante.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda