Sorpresine Kinder: un mondo di giochi da collezionare

I Kinder Sorpresa nascono nel 1974 da un’intuizione dell’imprenditore Michele Ferrero, che ideò gli ormai famosi ovetti Kinder con l’intento di coniugare gusto e divertimento. Come se fossero delle uova di Pasqua in miniatura, i Kinder Sorpresa nascondono dentro un goloso guscio di cioccolato, un piccolo giocattolo. Dal 1974 ad oggi sono stati venduti tantissimi Kinder Sorpresa, contenti un’infinità di sorpresine che sono diventate ben presto articoli da collezione molto richiesti.

Le sorpresine Kinder offrono ai collezionisti una vasta gamma di gadget: minuscoli giocattoli da costruire, macchinine, modellini di vecchi mezzi di trasporto, soldatini, cartine, piccoli pupazzi.

Gli appassionati possono reperire queste sorpresine e gadget da collezione in negozi (fisici e online) specializzati o possono effettuare interessanti compravendite con altri collezionisti. I prezzi delle sorpresine Kinder sono estremamente variabili: gli articoli più comuni possono costare anche solo 1 €, mentre altri pezzi rari possono arrivare a costare più di 1.000 €. Oltre ai pezzi singoli, i collezionisti possono reperire con facilità anche interi lotti di sorpresine. I più metodici si orientano in questo vasto oceano fatto di gadget e giocattolini facendo affidamento al Catalogo Unificato delle Sorpresine, contenente foto di pezzi e lotti da collezione, nonché stime e quotazioni di svariati articoli.

Tutti pazzi per i Puffi

Molte sorpresine Kinder sono pupazzetti di personaggi dei cartoni animati. Tra questi, riscuotono un grande successo tra i collezionisti i pezzi dedicati ai Puffi. Alcuni di questi articoli possono arrivare a costare molto. Si consideri, ad esempio, la collezione di “Puffi olimpici”, una serie tedesca che fece la sua apparizione nel mercato nel 1983: il puffo con i trampoli è quotato 1.100 € e Puffetta che salta la corda può valere fino a 400 €. Chi riesce a reperire la serie completa (composta da 8 pezzi), deve essere disposto a spendere più di 2.000 € per portarla a casa.

Una collezione da record

Il nome Lesia Pogorelova probabilmente non suona familiare a nessuno. È un nome noto però in casa Ferrero: Lesia è una delle maggiori collezioniste al mondo di sorpresine Kinder. La sua raccolta vanta più di 15.000 pezzi: una collezione da record che nel 2013 è stata premiata proprio dalla ditta produttrice degli ovetti Kinder. Quello di Lesia Pogorelova è un caso eclatante, ma la donna non è di certo l’unica, in Russia, ad avere questo grande interesse per le sorpresine Kinder. A Mosca, ad esempio, c’è una nutrita comunità di collezionisti, tutti accomunati dalla stessa passione. Sono soliti incontrarsi ogni sabato mattina alla fermata della metropolitana Marxistkaja, come ha confermato la stessa Lesia, per fare scambi, compravendite e per passare un po’ di tempo libero in buona compagnia.