Prati e giardini, erba naturale o erba sintetica?

Chi possiede un giardino prima o poi si sarà trovato di fronte a questa scelta. La decisione dipende da vari fattori, primo fra tutti la disponibilità di risorse e di tempo. Entrambe le soluzioni hanno vantaggi e svantaggi, per cui la scelta dipende molto da quali sono le esigenze specifiche di ciascuno. Il prato fatto di erba naturale è indubbiamente più bello e confortevole, ma richiede anche tempo per dedicarsi alla sua cura e una manutenzione costante, spesso da fare con macchinari appositi. L’erba sintetica se da un lato elimina il problema della manutenzione e può essere risolutiva in casi di allergie da fieno, dall’altro ha un costo di installazione che può essere piuttosto elevato e alcuni inconvenienti legati all’usura. 

Clima e manutenzione: scegliere i semi di erba

Se si opta per un manto erboso naturale, si dovranno tenere in considerazione una serie di fattori per determinare quali sementi o miscugli piantare:

  • clima - è sicuramente l’elemento più importante, in particolar modo per quanto riguarda temperature e precipitazioni. Ci sono sementi adatte a climi continentali (estati calde, inverni freddi) e altre più indicate per zone mediterranee (con inverni miti);
  • esposizione e uso - bisogna valutare la resistenza delle sementi all’ombra e al calpestio. Se si prevede un uso intenso è meglio optare per un prato generico, meno perfetto rispetto a un prato ornamentale ma sicuramente più resistente e facile da mantenere. I campi gioco e le aree sportive hanno bisogno di sementi specifiche, che producono erba ad elevata resistenza;
  • manutenzione - i miscugli a bassa manutenzione sono quelli più comuni e richiesti. Necessitano di poca irrigazione estiva e sono molto resistenti al calpestio. Esistono poi miscugli per esigenze specifiche, come quelli per rinfoltire e rigenerare il manto erboso.

I prezzi dei sacchi di sementi dipendono dal tipo di miscuglio e dalla resistenza: i semi per prato universale sono i più economici (circa 20 € per un sacco da 10 kg), mentre quelli più resistenti (per esempio destinati alle aree gioco) sono più cari (circa 40 € per 10 kg). 

Prato artificiale, ideale per chi ha poco tempo

Se non si vuole rinunciare a decorare il proprio giardino con un manto verde ma non si ha modo e tempo di curarlo, la soluzione ottimale è l’impiego di erba sintetica. Molto simile alla vista all’erba vera, è fatta di polietilene, un materiale atossico per uomini e animali e caratterizzato da un’alta resistenza agli agenti atmosferici. In commercio si trovano prati artificiali di vario spessore: 5-7 mm per quelli più economici fino a 40-50 mm per le versioni più costose. Per 5 m2 di erba sintetica alta 30 mm si spendono circa 100 €.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda