Scarpe per bimbi

Scegliere le scarpe per i piedini dei propri bambini è spesso molto divertente per le neo-mamme e i neo-papà, anche se non sempre si hanno le idee molto chiare su cosa bisogna cercare, lasciandosi condizionare dall’estetica più che prendere in considerazione la funzionalità e soprattutto le reali esigenze dei propri figli.

La prima cosa da sottolineare, quando si parla di scarpe bimbo, è l’età: un conto è scegliere scarpe da neonato, un altro scarpette da ginnastica per bambini dai 6 anni in su. Caratteristica fondamentale è senz’altro la qualità, sinonimo di sicurezza e durevolezza. Sebbene infatti i piedi dei nostri bambini crescano rapidamente, scegliere le scarpine in base al prezzo tralasciandone la qualità potrebbe compromettere a lungo tempo la salute e la crescita dei più piccoli. Quali sono dunque le caratteristiche da valutare nell’acquisto delle scarpe per bimbi?

Materiale: flessibilità e leggerezza

Il materiale è importante non solo in termini di resistenza e qualità, ma anche quanto a flessibilità e leggerezza. Quando i neonati sono in fase di esplorazione e hanno cominciato a gattonare, infatti, una scarpetta rigida impedirebbe i movimenti liberi del piedino. Per questo motivo, soprattutto nei primi mesi di vita, è consigliato lasciare che i bambini vadano in giro scalzi, per permettere che i loro piedini crescano bene e senza costrizioni.

A questo scopo, per proteggerli dal freddo, è possibile scegliere dei calzini con inserti antiscivolo, e riservare le scarpine a quando si è fuori casa. D’ estate, è possibile scegliere anche dei sandaletti, per evitare che i piedini sudino, con chiusura a strappo o cinturini, mentre d'inverno si può optare per morbidi stivaletti, magari rivestiti in lana o pelliccia.

Misura: comodità

Per il maggior comfort, è necessario che la scarpina sia della misura adatta. Alcune scarpe sono dotate di una soletta intelligente sulla quale è disegnata la sagoma del piede in mode che, appoggiandovi sopra quello del bambino, si possa capire se la misura è adatta.

Una scarpa troppo stretta costringerebbe il piede in una posizione innaturale, pregiudicandone la corretta crescita. Per questo, soprattutto per i più piccoli, è bene lasciare un po’ di spazio tra il piedino e la scarpa (circa 1,2-1,5 cm). D’altro canto, finché il bambino non comincia a camminare autonomamente, le scarpe servono solo da protezione e non come sostegno. Pertanto non è necessario scegliere quelle a suola rigida.

Prezzi

Il mercato offre soluzioni per tutte le tasche. Per andare sul sicuro, è possibile scegliere tra i migliori marchi di scarpe e abbigliamento per bambini. La Chicco offre prodotti con materiali di alta qualità; un modello usato si può acquistare a partire da 1 €, mentre un paio di sandali o ballerine possono arrivare anche a 70 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda