Scanner per diapositive: trasportano il passato nel futuro

Oggi siamo abituati a scattare foto in ogni momento, condividere le foto con chiunque e averle sempre a disposizione su un supporto digitale. Ma fino a un paio di decenni fa fotografare significava inserire un rullino in una macchina fotografica analogica, portare a sviluppare il rullino e attendere pazientemente la stampa delle foto per vedere il risultato, conservando a parte i negativi per eventuali future ristampe. Ogni famiglia ha ancora il proprio passato recente o più lontano fissato su supporti analogici: vecchie diapositive o negativi. Come assicurare che non vada perduto col tempo? Chi userebbe ancora una macchina per diapositive, ammesso di possederne una funzionante? Con uno scanner per diapositive puoi portare nel futuro tutte le tue vecchie foto, trasponendole su supporto digitale.

A che serve uno scanner per diapositive?

Con uno scanner per diapositive è possibile trasformare vecchi negativi fotografici, vecchie pellicole e vecchie diapositive in foto digitali. Con uno scanner per diapositive, inoltre, è possibile migliorare la qualità di vecchie foto scattate con macchine fotografiche analogiche, usando i filtri moderni.

Quali vantaggi offre uno scanner per diapositive?

  • Niente più rischi di perdere le vecchie foto di famiglia e reportage fotografici di vecchi viaggi.
  • Trasformando in versione digitale le vecchie pellicole con uno scanner per diapositive, si hanno a disposizione delle copie infinite e le foto potranno essere usate anche, ad esempio, per realizzare calendari o fotolibri.
  • Se si dispone di un televisore smart, le foto digitali ottenute con uno scanner per diapositive possono essere visualizzate comodamente sullo schermo del televisore.

Come scegliere uno scanner per diapositive?

Gli aspetti da valutare per scegliere uno scanner per diapositive sono:

  • Formati supportati: lo scanner per diapositive può essere solo per diapositive o anche per negativi fotografici, di diverse dimensioni (diapositive da 35 mm, diapositive 110 o 126, pellicole 110 o 126 e super 8). Possono variare anche i formati digitali che avranno le foto ottenute con lo scanner per diapositive (.jpg, .jp2, .tiff, .psd).
  • Modello: devi scegliere tra uno scanner per diapositive da collegare a un pc o autonomo (se non hai un pc).
  • Risoluzione: influisce sulla qualità delle foto che si ottengono con la scansione. La risoluzione è espressa in DPI: più il valore è alto, più la risoluzione sarà elevata, la scansione sarà di alta qualità, più fedele all’originale e capace di essere migliorata con i programmi di fotoritocco.
  • Funzioni: alcuni scanner per diapositive offrono delle funzioni automatiche per cancellare graffi e polvere o per correggere l’esposizione e i colori.
Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda