Resistenza per lavastoviglie: energia elettrica che diventa calore

All’interno di quasi tutte le cucine moderne è, ormai, possibile trovare una lavastoviglie.

Questo strumento è diventato, col passare dei decenni dalla sua invenzione, uno degli elettrodomestici simbolo della vita in cucina. La lavastoviglie è dotata di una propria elettronica e di propri consumi e richiede l’unico sforzo di inserire le proprie stoviglie manualmente all’interno dell’apparecchio, che poi si occuperà di tutto il resto grazie al proprio sistema termomeccanico che, con una combinazione di componenti, riesce a distribuire l’acqua a tutte le stoviglie.

Se alcune componenti sono in parte “inutili”, tuttavia, altre sono davvero essenziali allo svolgimento del lavaggio. Tra queste, la resistenza è la componente che permette il riscaldamento dell’acqua. Ciò comporta una sterilizzazione delle stoviglie e la possibilità di lavare a prestazioni elevate.

L’importanza del funzionamento di una resistenza

Le resistenze per lavastoviglie devono funzionare al 100%. Un acqua di lavaggio tiepida o fredda, infatti, non riesce a restituire le stesse prestazioni garantite dall’acqua calda. È fondamentale quindi controllare lo stato della resistenza: se fosse guasta, sul Web è possibile reperire ricambi delle resistenze per lavastoviglie. Possono essere acquistati nuovi oppure usati, e per entrambi il prezzo parte da circa 20 €.

L’acquisto deve essere fatto ovviamente seguendo la marca della propria lavastoviglie: esistono resistenze di ricambio per Ariston,  per Electrolux e per altre marche diffuse.

Un’altra condizione assieme al nuovo e all’usato è il ricondizionato dal venditore, ossia l’oggetto guasto riportato a una condizione di seminuovo grazie a riparazioni e sostituzioni precise. Il prezzo in questo caso parte da 15€.

I ricambi delle resistenze possono essere reperiti anche per altri elettrodomestici. Le lavatrici e le asciugatrici, ad esempio, funzionano in maniera molto simile alla lavastoviglie, richiedendo allo stesso modo un acqua riscaldata per poter pulire e asciugare i panni.

Anche i ferri da stiro funzionano mediante resistenze inserite all’interno dell’apparecchio. Il principio di funzionalità è sempre lo stesso delle resistenze per lavastoviglie: la corrente elettrica scorre attraverso la resistenza, scaldandola e permettendo lo scambio di calore con l’acqua, la quale aumenta la propria temperatura.

Elettrodomestici a resistenza di uso comune

Esistono alcuni elettrodomestici di uso ancora più comune che, come per le lavastoviglie, funzionano mediante resistenza. In generale, comunque, tutti gli elettrodomestici che prevedono un riscaldamento verso l’esterno funzionano a resistenza.

Un esempio molto chiaro sono i forni e i piani cottura, utilizzati quasi ogni giorno nelle cucine di casa, oppure la macchina da caffè, la quale grazie alle resistenze interne permette di innalzare la temperatura del caffè erogato.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda