Lasciatevi travolgere dalla qualità del suono a cinque stelle!

Nonostante il mercato offra televisori sempre più grandi, sottili e dalle risoluzioni sempre più definite, il suono può rivelarsi una nota dolente. Benché le TV siano ormai dotate di speaker integrati, molti condividono l’esigenza di spendere qualcosina in più per un audio più definito e di qualità superiore, soprattutto se si è appassionati di cinema e serie TV o amanti della buona musica.

Casse e altoparlanti

La cosa migliore è quella di collegare la TV ad altoparlanti esterni, magari individuando un dispositivo sottile, poco appariscente e che faccia da complemento al re incontrastato del salotto: il televisore. Una validissima alternativa è quella delle soundbar wireless. Si tratta di un apparecchio di dimensioni ridotte e lunghezza pari o inferiore al televisore, in grado di sostituire un qualsiasi sistema di home theatre, soprattutto in mancanza di spazio.

Indipendentemente dalla tipologia di altoparlanti (casse piccole, con cavo, wireless, ecc.), il mercato offre una vasta selezione di marche (Panasonic, Samsung, Sony, ecc.), modelli e fasce di prezzo (da 80 a 600-700 €). Non sempre però i prodotti più cari sono anche quelli migliori. Esistono tantissime alternative di qualità a prezzi più economici, oppure la possibilità di ricondizionare le vostre vecchie casse acustiche acquistando separatamente i vari pezzi di ricambio (cono, crossover, subwoofer, bobina ecc.) o ancora articoli usati o ricondizionati che facciano felice anche il portafogli.

Ma cosa sono le casse acustiche e come posizionarle?

Se l’idea è quella di ricondizionare i vostri vecchi diffusori, allora è fondamentale capire qualcosa in più su questi dispositivi. Le casse acustiche sono apparecchi in grado di trasformare un segnale elettrico in onde sonore percepibili dal nostro orecchio. Spesso vengono erroneamente chiamate anche altoparlanti, senza distinguere le une dagli altri. In realtà, per cassa acustica si intende il blocco all’interno del quale sono racchiusi i vari altoparlanti, quelli che realmente emettono il suono.

Un altoparlante è costituito principalmente dai seguenti componenti:

  • la membrana è a forma di cono ed è la parte che, vibrando, produce le onde sonore;
  • la membrana è collegata al cestello tramite una sospensione a forma di anello;
  • il cestello è la struttura di supporto su cui si inseriscono tutti gli altri componenti;
  • la bobina, al centro del cestello, è un elemento metallico che riceve il segnale elettrico dell’amplificatore;
  • la calamita (o magnete permanente) interagisce con la bobina attraverso un campo magnetico.

Se siete dunque alla ricerca di un audio impeccabile che non abbia nulla da invidiare ai sistemi dolby surround più moderni e innovativi, sarà sufficiente collegare la vostra TV a due o più casse acustiche (nuove o ricondizionate) e abbinare un buon subwoofer per la riproduzione dei bassi... et voilà, il gioco è fatto!