Portarotolo da bagno: tra funzionalità e design

Sempre più spesso gli oggetti di vita quotidiana che trovano spazio nelle nostre case si trasformano in veri e propri complementi d’arredo, che mantengono intatta la funzione per cui sono stati creati. La tendenza è chiara: praticità e convenienza non bastano più al consumatore, il quale tende a ricercare, oltre a queste fondamentali caratteristiche, anche stile ed eleganza.Gli accessori per il bagno, un tempo semplice area di servizio della casa, sono un classico esempio di tale tendenza: anche il portarotolo è diventato un oggetto da scegliere con attenzione, magari in abbinamento a porta spazzolino e porta asciugamani. Blomus, Koziol e Wenko sono solo alcune delle marche che propongono modelli originali di questo accessorio, ma accanto a esse ne troviamo altre che sfruttano forme e materiali diversi per soddisfare tutti i gusti. I prezzi dei portarotolo variano notevolmente: si parte da un minimo di 1 € per le varianti più semplici e si arriva a quasi 400 € per quelli dal design ricercato o realizzati con materiali preziosi. I portarotolo da bagno possono essere acquistati nuovi, usati o ricondizionati dal venditore.

Design e materiali 

I modelli di portarotolo da bagno presenti sul mercato sono essenzialmente due: quello che va applicato direttamente al muro e quello da poggiare a terra.Il primo tipo rappresenta una soluzione ottimale in ambienti in cui lo spazio è ridotto, generalmente contiene un solo rotolo di carta igienica ed è molto semplice da pulire.Chi dispone di uno spazio più ampio, può invece optare per un modello da pavimento. In questo caso le soluzioni stilistiche sono davvero molteplici e, inoltre, si ha la possibilità di esporre anche più di un rotolo contemporaneamente, oppure di applicare congiuntamente scopini e portascopini.Per quanto riguarda i materiali, i portarotolo più gettonati sono probabilmente quelli realizzati in acciaio inox, per prodotti destinati a durare a lungo che si puliscono con una semplice passata di spugna. Essi si sposano con tutti gli stili, ma sono adatti soprattutto ad arredamenti moderni ed essenziali. Il legno, nel suo colore naturale, è apprezzato per gli chalet di montagna o, più in generale, da coloro che vogliono ricreare un ambiente country. La plastica, invece, viene solitamente preferita da chi vuole regalare un tocco giovane e fresco al proprio bagno, perché in questo caso la scelta cromatica è davvero molto ampia. Nulla vieta, comunque, di mixare stili e colori a proprio piacimento e di scegliere materiali meno comuni, come l’ottone, il bronzo o la ceramica.