Piante vive per acquari

Le piante per acquarioltre ad essere belle esteticamente, sono un ottimo nascondiglio per i pesci, i quali amano trovarvi riparo. L’uso di piante vive, rispetto alle piante finte, garantisce l’assorbimento di sostanze nocive spesso prodotte dal metabolismo dei pesci, facendo quindi da filtro. Se si decide di comprare un acquario e prendersi cura di esso si consiglia quindi di optare per un minor di pesci e un gran numero di piante vere.

Curare le piante

Se si sceglie di servirsi di piante per acquario è bene preoccuparsi di avere delle piante che siano piante per acquario dolce e non piante palustri, le quali se sommerse sono destinate a morire subito poichè sono di natura destinate ai paludari o terrari. Inoltre usare piante vive piuttosto che piante di plasticacomporta delle accortezze in più, quali soddisfare le loro necessità in termini di luce, fertilizzanti e anidride carbonica, poiché ogni pianta ha le sue specifiche esigenze e vi sono piante più facili da gestire e piante che necessitano di maggiore attenzione.

Tipologie di piante

Nella vastità di piante vive da poter scegliere ve ne sono alcune che possono essere utilizzate sia dai principianti che dagli esperti di acquari. Tra le principali si consigliano:

  • vallisneria, è la pianta più facile da trovare in commercio. Si tratta di una pianta con gran facilità di adattamento ed ha una crescita rapidissima che può diventare anche molto alta. È una tipica pianta da sfondo. I prezzi variano da 3 € a 10 €;
  • anubiasnana, pianta molto resistente e a crescita molto lenta. Non è antialghe, ma è molto bella. Si consiglia di averne una da mettere in primo piano nell’acquario, perchè richiede poco impegno e arricchisce l’aspetto estetico dell’acquario. Le sue radici non vanno interrate. I prezzi variano da 3 € a 15 €;
  • cryptocoryne, sono un gruppo di piante con caratteristiche simili. Hanno delle radici molto importanti ed ha bisogno quindi di fondi con ricche sostanze nutritive. La presenza di queste radici aiuta ad arricchire il substrato. Appena inserite nell’acquario rischiano di marcire, ma fanno nascere presto nuove foglie. I prezzi variano da 2 € a 30 €;
  • hygrophila, pianta tropicale di origine asiatica. Non cresce molto in altezza e crea fitti cespugli che sono un ottimo riparo per i pesci più piccoli. È robusta e soffre poco le variazioni di temperatura. Predilige acque calde e si adatta a temperature sino a 10 gradi. Non necessita di molta luce. I prezzi vanno da 5 € a 40 €.

Oltre a queste è possibile arricchire il proprio acquario con del muschioe vari tipi di cespugli. Curare le piante che si decide di scegliere significa consentire ai propri pesci di vivere meglio e più a lungo.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda