Per una donna il primo orologio da polso

Forse non tutti sanno che l’invenzione del primo orologio da polso è legata a una donna. È il 1868 quando l’azienda svizzera, produttrice di orologi di lusso, Patek Philippe, crea un esemplare per la contessa Koscowicz d’Ungheria. Esso era montato su un bracciale d’oro, una vera novità, dato che fino a quel momento le donne portavano gli orologi pendentilegati alle collane. Ma nonostante questo illustre precedente, furono due uomini a far diventare di moda questo accessorio. Uno era l’aviatore Alberto Santos-Dumont, brasiliano, che chiese al suo amico orologiaio, Louis Cartier, un oggetto da consultare comodamente mentre era alla guida dei suoi velivoli. Cartier montò un orologio su di un laccio di cuoio, e il pilota lo indossò anche nella vita quotidiana, decretandone il successo: nel 1911 venne lanciato sul mercato il modello “Santos di Cartier”.

Con il conflitto mondiale arriva la diffusione su larga scala: nel 1916, l’azienda Williamson dichiara che un soldato su quattro indossa un orologio da polso: questi infatti erano molto più comodi da consultare, anche in trincea, rispetto a quelli da tasca.

Festina, orologi dal 1902

Risale all’inizio del secolo scorso la fondazione del marchio Festina, ancora in Svizzera. Durante la Seconda guerra mondiale l’azienda si trasferisce in Spagna. Nel 1984 diventa parte del gruppo Festina Lotus, con l’acquisizione a opera dell’industriale spagnolo Miguel Rodriguez, già proprietario delle orologerie Lotus. Il successo del brand nel 1990 è legato a quello del team ciclistico, voluto dall’azienda, che porta il suo nome. In seguito la casa produttrice diventa fornitrice ufficiale dei cronometriper il Tour de France, per il Giro d’Italia e per la Vuelta di Spagna.

Orologi da polso per tutte le esigenze

Oggi il brand si caratterizza per l’attenzione ai dettagli e all’innovazione. Propone collezioni di orologi da donnain tanti colori, impreziositi da cristalli Swarovski, nella linea “Mademoiselle”, o fatti in ceramica, nella serie chiamata appunto “Ceramic”, con movimento al quarzo. Eleganti zirconi abbelliscono la linea “Boyfriend”.

Per l’uomo la scelta è molto vasta. Il brand ha sempre avuto un legame con il mondo dell’agonismo, che resta evidente nelle linee sportive“Chrono Bike”, strettamente legata al ciclismo, ai “Multifunction” e ai “Chronograph”, che tra le altre funzioni hanno anche il tachimetro. Senza dimenticare i modelli classici delle collezioni “Extra” e “Elegance”, e per gli amanti dell’eleganza vintage le proposte della linea “Retro”. Un orologio Festina con tachimetro parte dai 90 € per un modello in acciaio, ai 300 € di uno bicolore Dual Time, della linea Chrono.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda