Pendenti punto luce per uno stile unico

Gli orecchini sono accessori molto apprezzati dalle donne di tutte le età, poiché facilmente abbinabili a ogni abito e stile. I pendenti punto luce dotati di un brillante all’estremità ben si prestano ai look più ricercati, coniugando l’eleganza all’unicità. Il loro prezzo si attesta sui 6 € per i prodotti di bigiotteria in lega, ma sale fino a superare i 5000 € per i modelli più preziosi, in oro e diamanti.

Orecchini di ogni forma e dimensione

Gli orecchini di bigiotteria si differenziano tra loro in base alla forma, al tipo di chiusura e ai materiali utilizzati. Gli orecchini a cerchio, ad esempio, possono essere di varie dimensioni, mentre i pendenti si compongono di un piccolo gancio da appendere al lobo dell’orecchio, abbastanza lungo da evitare che gli orecchini cadano e si perdano. Gli orecchini dotati di una chiusura a clip sono invece adatti a chi non ha il lobo forato.

Storia degli orecchini

Gli orecchini erano molto diffusi tra le antiche civiltà: i primi ritrovamenti risalgono infatti all’età del bronzo. In Egitto, gli orecchini, utilizzati principalmente dagli uomini, erano formati da un disco con catenelle di grande valore. Questi accessori venivano utilizzati per indicare l’elevato rango sociale di chi li indossava. Fu solo durante l’ellenismo che gli orecchini cominciarono a diffondersi e attrarre un pubblico più vasto, sino a diventare ornamenti di uso e costume quotidiano, anche per i ceti più bassi e le tribù di nomadi.

A partire dall’Alto Medioevo, questi gioielli ornamentali cominciarono ad acquisire maggior valore grazie alle gemme o alle perle incastonate, molto amate dal pubblico femminile. Alla fine del Settecento si diffuse l’uso del diamante, che divenne assai popolare tra i nobili. L’orecchino pendente fu tra i più apprezzati fin dal Rinascimento, affiancato da punti luce e modelli di dimensioni ridotte, adatti alla vita quotidiana.

In passato, gli orecchini erano molto diffusi anche tra i marinai, che foravano le loro orecchie con la convinzione che, in tal modo, avrebbero potuto vedere meglio e dunque ottenere l’ambito incarico di vedetta. Anche i pirati erano soliti indossare gli orecchini ma, in questo caso, dietro a tale usanza si celava un’utilità pratica: alla loro morte infatti, il gioiello poteva fungere da ricompensa per chi avrebbe seppellito i loro corpi. Infine, secondo alcune credenze popolari del Settecento, l’uomo e la donna che indossavano lo stesso orecchino erano uniti da un legame indissolubile.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda