Mirino per fotocamere e videocamere Canon

Quando si vuole scattare una foto con qualsiasi fotocamera, al contrario di smartphone e tablet, bisogna centrare la scena appoggiando l’occhio allo strumento chiamato mirino. Questo permette di vedere cosa verrà catturato nella foto e di conoscere alcuni dati fondamentali come la sensibilità ISO, ovvero la sensibilità del sensore alla luce.

È ricoperto dall’oculare, su cui è montata una gomma morbida che conferisce un maggiore comfort e un miglior contatto con la pelle.

Scegliere il mirino adatto

Nel valutare la sua qualità bisogna prendere in considerazione il fattore copertura, cioè l’area totale che è possibile inquadrare. Un mirino con una copertura inferiore al 90% non offrirà, infatti, la possibilità di vedere il restante 10% che verrà però catturato sulla foto. Solo alcuni modelli di fotocamere digitali più recenti possiedono una copertura quasi totale.

Un altro importante fattore è la potenza di ingrandimento che si nota non appena lo si porta all’occhio. Questo valore rientra, solitamente, tra 0,8x e 1,1x, modificando quindi la grandezza con la quale la scena viene visualizzata da chi fotografa.

La tipologia più diffusa sulle fotocamere digitali è quella a pentaprisma, capace di offrire al fotografo la stessa immagine che verrà catturata dopo lo scatto e assente nelle fotocamere mirrorless.

Per scegliere quindi un buon mirino bisogna trovare il giusto compromesso, rappresentato da un ingrandimento non inferiore a 0.8x e una copertura superiore al 90-95%. Inoltre, se capace di ostacolare la luce incidente che lo attraversa, potrà migliorare la lettura esposimetrica e far controllare al meglio il fattore luce a ogni scatto.

Prezzi e caratteristiche

Canon ha puntato su fotocamere mirrorless che prevedono l’aggiunta opzionale di un mirino. Il modello EOSM6 ne è un esempio, con il mirino elettronico EVF-DC2 che permette di migliorare lo scatto sotto diversi punti di vista tecnici. EVF sta per Electronic Viewfinder e sostituisce il classico mirino ottico.

Il potenziale del modello DC2 sta nel poter catturare anche i minimi dettagli sul proprio display da 120 fps, oltre ad avere una copertura del 100% per inquadrare alla perfezione ciò che apparirà sulla foto. Permette inoltre di vedere un’anteprima degli effetti applicabili sull’immagine dalla fotocamera, per una versatilità maggiore in fase di scatto. Ha un peso inferiore a 30 grammi ed è acquistabile a un prezzo di circa 200 € nuovo.

Per la maggior parte dei modelli Canon EOS serie D, l’oculare del mirino può essere acquistato a un prezzo di 5 € circa, riferito al modello a goccia avvolgente ma non originale.