Cialdiere per waffle

Di piccoli elettrodomestici per la cucina in grado di rendere speciale tutti i pasti, dalla colazione allo spuntino di mezzanotte, ne esistono davvero tanti e sono tutti facili da usare. Fontane per cioccolato e yogurtiere, ad esempio, sono elettrodomestici semplici ma capaci di dare vita alla fantasia di chi ama preparare e gustare dolci di ogni tipo.

E per chi ama i waffle? C’è la macchina per cialde dolci che permette di preparare questo tipico dolce belga comodamente a casa. Pur trattandosi di un dolce molto buono e che è possibile guarnire in molti modi diversi, in Italia non è particolarmente diffuso e può essere quindi difficile da trovare. Poterlo preparare quando si vuole è un grosso vantaggio.

Alcune cialdiere, come suggerisce il nome stesso, non si limitano alla cottura dell’impasto per i waffle: sono pensate, infatti, anche per la preparazione di ottimi coni; affiancandole a una gelatiera, il piacere di un buon gelato in ogni momento è assicurato.

La scelta della macchina per cialde

Chi ha deciso di avere in casa questo piccolo ma pratico elettrodomestico si troverà a dover scegliere il modello giusto. Come accade di frequente, ci sono alcune caratteristiche che bisogna tenere a mente prima dell’acquisto.

Dalla potenza dell’elettrodomestico fino ai materiali impiegati per la sua costruzione, tutto dovrebbe offrire il miglior rapporto qualità/prezzo.

Ci si può affidare a marchi famosi come Ariete, che propone una macchina per waffle della linea Party Time a soli 25 € o poco più, antiaderente e con il look vintage che caratterizza questa questa linea.

La ghisa è il materiale più comune per la produzione di questi elettrodomestici.

L’antiaderenza della piastra e la presenza di una resistenza all’interno fanno sì che l’impasto non si distrugga durante l’estrazione e che sia ben cotto in ogni sua parte. Timer e termostato sono due funzioni molto utili: la temperatura di cottura può variare in base alla ricetta e poterla regolare è in questo caso fondamentale. La piastra ha normalmente una trama a piccole celle quadrate, tipica per la preparazione dei waffle, ma non mancano i modelli in cui questa può essere sostituita con piastre dalla forma più diversa.

Una macchina per waffle può avere una potenza minima di 700 Watt per arrivare a 1.200 W e oltre, come il modello H.Koenig GFX 360, reversibile, il che facilita l’estrazione dei waffle, con termostato digitale e un prezzo di quasi 95 €. La stessa potenza si trova sul modello Doppelwaffelautomat 1329 della Cloer, proposto a poco meno di 70 €, così come nella macchina a marchio Bomann che offre una piastra della grandezza di 18 cm a poco più di 40 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda