Dino Battaglia

Nel 1923, a Venezia, nasce un fumettista italiano che, nel corso degli anni, farà del bianco e del nero la sua arma migliore. Un disegnatore capace di creare la giusta atmosfera delineando i contorni e le figure in modo a tratti spettrale, gotico, sviluppando uno stile personale che lo porterà ad avere successo in breve tempo.

Riuscire a dare il giusto peso e lo spazio necessario a ogni personaggio senza l’utilizzo dei colori non è da tutti, i quali solitamente contribuiscono a enfatizzare l’attimo e ridefinire le azioni e le parole nei fumetti.

Il lavoro di Battaglia va oltre il fumetto classico e i suoi canoni, divenendo un mondo a parte, corroborato da forme inattese per chi lo osserva per la prima volta. Con il bianco e il nero dei suoi lavori ogni personaggio acquisisce il suo spazio per rimanenervi, seppure solo di passaggio.

La collaborazione con il Messaggero dei Ragazzi negli anni ‘70 lo portò a creare una versione moderata del celebre Gargantua e Pantagruel, che verrà successivamente riadattata per un pubblico adulto e incorporata nella rivista Corto Maltese.

Uno stile unico

I tratti caratteristici dell’arte di Battaglia si trovano anche e soprattutto nell’Ispettore Coke, fumetto da lui creato nei primi anni ‘80 e che consta di due episodi, I delitti della Fenice e La Mummia.

Con quest’opera si avvicina ancor di più a un mondo parallelo, permeato dal mistero e con un’anima horror poco velata, in cui il protagonista, un ispettore di Scotland Yard, si muove agitando le acque della Londra di inizio Novecento.

Si tratta di un lavoro che mescola thriller e soprannaturale, senza dubbio cupo e capace di trasmettere le sensazioni con la giusta intensità in relazione agli avvenimenti.

Fumetti da collezione

Lo stile di Battaglia non poteva non incontrare la narrativa di Edgar Allan Poe. L’unione tra le storie dello scrittore americano vengono portate sulla tavola da Battaglia e recentemente sono state incluse tutte in un volume, il quale è acquistabile a circa 15 € nuovo.

I fumetti cartonati d’autore di Dino Battaglia possono raggiungere un certo valore economico, specie se risalenti agli anni ‘60, ‘70 e ‘80 e se in ottime condizioni di conservazione.

La prima edizione de La Guerra dei Signori, edita nel 1975 da Quadragono, può avere un valore economico superiore a 100 € se copertina e interni sono conservati quasi alla perfezione.

Il secondo episodio dell’Ispettore Coke, La mummia, si può acquistare in buone condizioni per meno di 10 €, mentre il fumetto a colori Esploratori di Ieri e di Domani supera i 150 €, usato ma in ottime condizioni.