Il fumetto cult degli ultimi 30 anni

Uno dei fumetti italiani più famosi di sempre è Dylan Dog, il secondo più venduto dopo Tex. Pubblicato a partire dal 1986 da Sergio Bonelli Editore ed ideato da Tiziano Sclavi, il primo numero è intitolato “L’alba dei morti viventi”. La serie a fumetti appartiene al genere horror, con storie autoconclusive all’interno di ogni numero. Pubblicati mensilmente a partire dall’ottobre ‘86, fino all’aprile del 1988 Tiziano Sclavi è l’autore di tutti i soggetti e della maggior parte delle sceneggiature, affiancato da vari disegnatori come Corrado Roi, Luigi Piccatto, Giuseppe Montanari ed Ernesto Grassani. Fino ai primi mesi del 1990, le copertine erano riservate a Claudio Villa - a cui si deve la caratterizzazione grafica del personaggio, sostituito poi come copertinista da Angelo Stano, attivo in questo ruolo fino al 2016.Dylan Dog è un indagatore dell’incubo, dalle fattezze dell’attore Rupert Everett e il cui nome è ispirato al poeta Dylan Thomas. Camicia rossa, giacca nera, jeans blu e scarpe Clarks, Dylan Dog è un eroe moderno attraverso cui i suoi autori parlano per citazioni e costruiscono un apologo morale che come un fil rouge collega le varie storie delle paure umane.


Collezionismo e Fumetti: Dylan Dog

Gli appassionati di fumetti e i collezionisti non possono non apprezzare il pregio artistico e culturale delle collane Bonelli, dal famigerato Tex al mezzo vampiro Dampyr.I fumetti Dylan Dog hanno fatto la storia del fumetto italiano da 30 anni a questa parte diventando un vero e proprio cult non solo del genere horror ma del fumetto d’autore.La sua pubblicazione continua ininterrotta dall’ottobre del 1986 ad oggi, con un totale 372 mensili ad agosto 2017. Oltre agli albi regolari esistono degli albi speciali o fuori serie con storie inedite a cadenza più o meno annuale. Annuali sono anche gli Almanacchi della paura, mentre una maggiore frequenza (da 2 a 5 numeri all’anno) hanno gli albi giganti e i maxi Dylan Dog. I numeri regolari hanno avuto due ristampe oltre alla prima edizione e un’ulteriore collezione book.Un albo fuori serie può costare circa 50 €, mentre una collezione da 100 albi in prima edizione nuovi possono arrivare a 600 €.I numeri recenti o non troppo rari si possono acquistare a partire da 0,50 €, ma i collezionisti andranno sempre alla ricerca del pezzo raro e di valore. Se cercate la collezione completa, magari usata, potreste spendere fino ad oltre 2.000 €, mentre il primo Almanacco della paura si trova facilmente a partire da 1 €.