La nascita dei fumetti

I fumetti sono una forma narrativa universale che - secondo alcuni - ha origini antiche e che viene considerata parte integrante della cultura popolare. Si tratta di un tipo di narrazione basata sulla grafica e l’immagine: le storie sono disegnate in sequenza.

Già nella Preistoria, l’uomo utilizzava il disegno per raccontare storie. La raffigurazione narrativa dell’arte rupestre potrebbe essere dunque l’antenato del fumetto. Le grotte “affrescate” dagli uomini primitivi ne sarebbero un vivido esempio.

Il fumetto “moderno”

Tuttavia, il fumetto a cui siamo abituati nacque alla fine dell’Ottocento, con la comparsa delle prime vignette in cui i dialoghi e le parole dei personaggi erano racchiuse in una “nuvoletta di fumo” (balloon). Si trattò della nascita di una forma grafico-narrativa di grande successo e rapida diffusione, di immediata e facile comprensione.

I primissimi protagonisti dei fumetti erano personaggi di tutte le classi sociali e la narrazione si sviluppava in strisce sovrapposte.

Negli anni Venti, negli Stati Uniti, arrivarono i Captain America.

In Europa, il fumetto era molto apprezzato. Nel 1908, in Italia, uscì il primo numero del Corriere dei Piccoli, calibrato per un pubblico di ragazzi. Nel 1929, in Belgio, fece la sua comparsa il mitico Tintin.

L’arrivo del fumetto Disney

La vera svolta nella storia del fumetto, in termini di popolarità, diffusione e formula di successo, arrivò nel 1930 con la prima storia a fumetti di Topolino (Mickey Mouse), personaggio già noto grazie al cortometraggio di Walt Disney proiettato due anni prima.

È proprio da Topolino che che prese il via la fumettistica targata Disney, arricchita da personaggi sempre nuovi e con storie affascinanti, per grandi e piccini.

In Italia, il primo Topolino uscì nel 1932 in grande formato per poi ridursi, dal 1949, alle dimensioni tascabili. I disegnatori arruolati dalla Mondadori ebbero un grandissimo successo e italianizzarono molte storie e personaggi, facendo dell’Italia il paese con il maggior numero di vendite.

Le testate più note e qualche indicazione di prezzo

Per orientarsi nello sterminato mondo dei fumetti Disney, esiste un database internazionale (Inducks), che raccoglie e cataloga gli indici delle pubblicazioni Disney nel mondo.

In Italia, tra le testate da collezione, vi sono gli Albi d’oro, acquistabili all’usato per un costo di 2-20 €.

Classici e i Grandi Classici hanno prezzi variabili in base all’annata. Un Classico 1957 prima edizione può essere quotato anche 500 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda