Frutta fresca, secca e in vaso

Seguire una dieta varia e completa è una delle regole principali per avere un benessere generale di tutto l’organismo. Di solito un’alimentazione corretta, secondo i medici specialisti, comprende pasta e cereali, verdure, pesce e carne, quest’ultima in quantità moderata. Non devono mai mancare frutta e verdura, infatti i nutrizionisti invitano a consumarne almeno cinque porzioni al giorno, per assicurarsi la giusta assunzione di fibre, vitamine e sali minerali. Non si deve esagerare con dolci e biscotti, ma piuttosto riservarli come un premio per una festa o un momento particolare e prediligere snack sani a base di frutta fresca e frutta secca.

Proprietà della frutta fresca, secca e in vaso

La frutta fresca essiccata contiene una maggiore quantità di zuccheri, ma offre molti vantaggi: aiuta a combattere la stitichezza, favorisce la crescita di capelli, esercita un’azione positiva sul fegato ed è molto indicata per chi fa sport. Anche la frutta secca oleosa ha molte proprietà benefiche, basta non esagerare col consumo in quanto ricca di grassi. Anche se si tratta di Omega 3 e Omega 6, grassi “buoni”, monoinsaturi e polinsaturi, ottimi per contrastare il colesterolo.

La frutta secca è anche ricca di vitamine, soprattutto A ed E, ma anche C e K e sali minerali come potassio, fosforo, zinco, calcio, magnesio e ferro, anche per questo viene raccomandata a chi fa molto sport, così che possa riacquisire velocemente le sostanze nutritive che si perdono attraverso il sudore, senza dover ricorrere necessariamente agli integratori. Rappresenta un’ottima fonte di fibre, preziose alleate per favorire il transito intestinale.

È lo spuntino ideale per tutti, ovunque ci si trovi, comoda da portarsi dietro, sazia molto senza appesantire. Le marmellate sono un discorso a parte, infatti contengono una determinata quantità di zuccheri, più o meno alta a seconda della tipologia, ed è preferibile non abusarne.

Quanto costa la frutta fresca, secca e in vaso?

La frutta fresca è relativamente economica, a differenza della frutta secca, il cui prezzo varia a seconda della tipologia e della provenienza. Il prezzo di frutti essiccati come banane, ananas o anche un mix esotica, è di circa 1 € per 100 grammi di prodotto. Altri frutti più particolari come papaya e mango essiccati costano un po’ di più, circa 1,50 € all’etto. I pinoli sono i frutti secchi più cari in assoluto, costano circa 54 € al chilogrammo. Subito dopo troviamo mandorle e pistacchi. Per ammortizzare i costi, è possibile acquistare grandi quantità di frutta secca esclusivamente italiana.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda