Frullatori e Impastatrici da cucina

Avere una mano in più in cucina fa sempre comodo, specie quando volete cimentarvi nelle ricette più elaborate e impegnative. Triturare erbe per il soffritto o ridurre le patate in purea, preparare passate di verdura o un frullato di frutta, montare la panna o preparare l’impasto per la pizza, sono tutte operazioni che possono essere rese più agevoli e veloci avvalendoci dell’aiuto di un frullatore o una impastatrice.Questi piccoli elettrodomestici possono avere funzioni base o avanzate, diversa capienza e potenza e, ovviamente, varie fasce di prezzo. Ecco che la scelta fra un modello e un altro dipenderà essenzialmente dalle nostre esigenze e dall’utilizzo che intendiamo farne.

Come scegliere frullatori e impastatrici: caratteristiche principali

Il frullatore può essere a caraffa o a immersione. Il primo tipo ha una base in cui è inglobato il motore, una caraffa - ad appoggio o ad incastro - all’interno della quale sono alloggiate le lame per tritare gli alimenti e un coperchio - a vite o a pressione - che può essere dotato o meno di foro centrale per introdurre ulteriori alimenti quando il frullatore è in funzione. Se i modelli base sono acquistabili a partire da 1 €, i mixer dotati di tutte le funzioni accessorie arrivano anche a 1.500 €.Il frullatore a immersione ha, invece, un braccio dotato di lame da immergere in un contenitore allungato (a volte compreso) per frullare il contenuto. Prezzo da 15 € a 250 €.Le impastatrici, come dice il nome stesso, sono elettrodomestici utili per preparare impasti di vario tipo: pane, pizza, pasta fresca, impasti per torte e dolci. Hanno una ciotola capiente, solitamente in acciaio, e un braccio mobile dotato di fruste per lavorare vari tipi di impasto. A partire da 40/50 € per modelli usati ad oltre 2.000 € per modelli professionali.

  • Capienza: dipende dall’utilizzo che intendete fare del frullatore o dell’impastatrice. Quest’ultima ha dimensioni solitamente maggiori (minimo 1 L) per lavorare adeguatamente ogni impasto, ma esistono modelli fino a 5-6 litri per impastare in grandi quantità. Per un frullatore può essere sufficiente una capienza da 0.5 a 1 litro;
  • materiali: come per tutti gli elettrodomestici e gli utensili che vanno a diretto contatto con gli alimenti, la scelta dei materiali è fondamentale. Se la ciotola delle impastatrici è solitamente in acciaio inossidabile, le caraffe per frullatori possono essere in plastica o in vetro temperato;
  • lame/Frusta: la tipologia di lame determina l’efficacia di un frullatore; esistono frullatori a 4 o 6 lame con una diversa inclinazione e superficie di taglio per consentire un utilizzo con gli alimenti più difficili da lavorare. Le impastatrici hanno tre tipi di fruste: a filo, a gancio e a foglia.