Videogame: dai primi prototipi alle carte prepagate

I videogiochi affascinano da sempre grandi e piccini. Il primo progetto risale addirittura al 1947, ma non è stato mai realizzato a causa dei costi elevati. Si arriva quindi al 1961, quando alcuni studenti del MIT programmano Spacewar, un videogame in cui due navicelle spaziali concorrono per la distruzione dell’astronave rivale. Da allora c’è stato un vero e proprio susseguirsi di giochi, tra cui Space Invaders, Asteroids e Pac-Man. Negli anni ‘80 si afferma la Nintendo con il suo Donkey Kong, mentre negli anni ‘90 si affacciano sul mercato le console Sega Mega Drive e Super Nintendo. Trattandosi di un mercato in grandissima espansione, anche la Sony si prende il suo spazio con la famosissima Playstation, mentre Nintendo rilancia con la memorabile Wii e la Microsoft presenta la sua Xbox. Questi tre produttori di videogiochi e console, per fidelizzare i clienti propongono oggi delle carte prepagate, praticamente dei veri e propri abbonamenti che permettono agli utenti di usufruire di diversi servizi.

Abbonamenti per la fidelizzazione

Dopo aver acquistato una console, Microsoft offre la Live Gold per la sua Xbox, con la quale si può giocare in modalità multiplayer, costruire dei mondi immaginari e cimentarsi in sfide virtuali insieme agli amici e a tutta la community Xbox. Inoltre, tutti gli abbonati possono accedere a una raccolta di giochi gratuiti, oppure possono comprare altri giochi a prezzi scontati fino al 75%. Un abbonamento di questo genere, per dodici mesi, lo si trova al costo di 53 € circa, ma esistono varianti da tre e da un mese. A questo nuovo modo di intendere i videogame risponde la Sony attraverso PlayStation Plus. I servizi offerti vanno dalla funzione multigiocatore online ai giochi mensili che si possono scaricare e usare per tutta la durata dell’abbonamento. A questo si aggiungono offerte e sconti di diverso genere. Il suo costo varia a seconda della durata della sottoscrizione e parte da 7 € per un mese fino ad arrivare a 60 € per dodici mesi. Anche la Nintendo ha deciso di rispondere alle sue due rivali di sempre con il Nintendo Switch Online, che consente l’accesso a una vasta selezione di giochi oltre alla classica funzione multiplayer.

Accessori e vintage

I videogame sono diventati negli anni dei veri passatempi per gli appassionati di tutte l’età e il loro universo si è arricchito di molti accessori che rendono il gioco completo. Tra questi troviamo volanti, joystick, simulatori di volo e addirittura dei sedili di pilotaggio. La loro influenza sui cultori del genere è talmente vasta che esistono anche moltissimi collezionisti di giochi a gettoni, come i flipper e i videogiochi cabinati vintage, che si scambiano parti e componenti elettroniche usate.