I calzini con le dita: una moda che parte dal Giappone e arriva in Europa

Quella dei calzini con le dita è una tendenza che viene da molto lontano, più precisamente dal Giappone, dove dal XVI secolo si indossano i tabi, calzini in cotone che tengono l’alluce separato dal resto delle dita. Normalmente, si portano con i sandali e il colore cambia a seconda dell’occasione. Se si tratta di situazioni ufficiali, come ad esempio quando si indossa un kimono, il bianco è il colore più adatto, mentre quelli colorati vengono preferiti dalle donne in ambienti più informali. Sono molto comodi anche durante la pratica delle arti marziali e infatti venivano indossati dai celebri samurai. Qualche anno fa sono sbarcati in Europa per essere indossati con le infradito e, da allora, si sono evoluti nella loro versione con tutte le dita del piede separate. Grazie ai loro colori sgargianti e ai motivi divertenti, questi calzini da donnahanno immediatamente avuto un grande successo, soprattutto tra le giovanissime.

Il calzino adatto allo sport

I calzini con le dita da donna, oltre che per semplice moda, si utilizzano, nella versione antiscivolo, in alcuni sport, come lo yoga, il pilates, la danza e le arti marziali. Queste particolari calze permettono il massimo movimento delle dita e sono d’aiuto contro la sudorazione. Altri benefici riconosciuti consistono nel rinforzare la muscolatura del piede, migliorare la circolazione del sangue, la postura, l’agilità e l’equilibrio. I calzini con le dita più popolari sono quelli in cotone. Il loro costo si aggira sui 15 € a paio. Nella versione senza gommini antiscivolo, possono essere indossati sotto le Vibram Five Fingers, le famose scarpe da ginnasticaminimaliste che ricalcano la forma esatta del piede. Esse sono adatte per la corsa, il fitness e per gli sport acquatici. Il costo dei modelli a fantasmino e a girocaviglia va dai 10 € ai 20 € circa.

Alcune applicazioni in campo medico

In campo medico, queste calze e calzini da donnatrovano la loro applicazione soprattutto nei casi di diabete. Sono tessuti in fibra crabyon, che garantisce una funzione antibatterica continuativa. Sono adatti alla pelle sensibile perchè prevengono la disidratazione e allo stesso tempo non irritano l’epidermide. Grazie alla Chitina, contenuta nella molecola di Crabyon, aiutano a guarire le dermatiti e le piaghe. Per curare il piede d’atleta, invece, viene impiegata la fibra d’argento x-Static, in tessuto naturale e atossico. Questa aiuta a combattere il fungo che causa la malattia e i batteri che producono il cattivo odore. Il costo di questi calzini medici si aggira intorno ai 30 €.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda