Bonsai e prodotti per la loro cura

I bonsai sono la giusta pianta da acquistare per arricchire la propria casa, ma possono essere anche un’idea regalo per festeggiare un evento particolare.Questi alberi sono molto conosciuti nella tradizione cinese e giapponese, e si sono diffusi poi anche nel resto del mondo, dove vengono coltivati con molto successo.Si tratta però di piante delicate, che necessitano di particolari cure, per non rischiare di seccare e morire dopo poco tempo. Ce ne sono di varie tipologie, come quelle adatte a climi temperati, tropicali e a tutti i climi.

Tipi di bonsai

Esistono al mondo tantissime varianti di bonsai. Gli alberi a foglia larga possono essere decidui o sempreverdi. Fanno parte di questo gruppo anche i bonsai dove due foglie crescono dallo stesso punto in modo opposto od alternato. Rientrano in questo grande raggruppamento gli aceri giapponesi, l’acero tridente, il melograno, l’olmo e la zelkova giapponese, il faggio e il carpino, solo per indicare le piante più diffuse.Ci sono poi i pini e le conifere che si distinguono per la presenza di foglie che crescono in direzione verticale, simili ad aghi, oppure in direzione oblunga, come squame. I bonsai con fogliame a squame più diffusi sono il ginepro cinese e l’abete rosso.

Come ci si prende cura di un bonsai

Annaffiatura e concimazione giusta permettono ai bonsai di vivere a lungo ed in salute. La giusta quantità d’acqua varierà in base al tipo ed alle dimensioni pianta, al clima, ed al tipo di terriccio usato. Non si può quindi stabilire a tavolino il giusto numero di volte in cui la pianta andrà annaffiata, ma sarà sufficiente seguire qualche consiglio per non sbagliare. La pianta va bagnata quando il terriccio diventa leggermente asciutto. Utilizzando una miscela di terriccio che sia in grado di trattenere l’acqua, il bonsai non avrà problemi anche in caso non si possa procedere con annaffiature frequenti.Durante la stagione di crescita è importante concimare il bonsai. Infatti questi alberelli vivono in vaso e non possono cercare direttamente dal terreno le sostanze nutritive che gli occorrono in questa fase così importante. Azoto, fosforo e potassio sono le principali sostanze che devono essere contenute in un buon concime.I bonsai sono piante delicate, ma anche piuttosto costose, specialmente in caso di esemplari che hanno già molti anni. Un melograno bonsai di 50 anni, può costare fino a 3.800 €, mentre una pianta giovane ha un prezzo che si aggira intorno a 10 € circa.
 

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda