Ne hai uno da vendere?

Fallo vedere a milioni di acquirenti

Barchini radiocomandati: quando la passione per la pesca incontra la tecnologia

Negli ultimi anni, le barche radiocomandate si sono guadagnate la loro fetta nel mercato degli articoli per la pesca, poiché riducono le probabilità di tornare a casa a mani vuote o poco soddisfatti. Il motivo è presto spiegato: mentre prima bisognava distribuire le esche in modo sapiente, adesso ci pensa questo piccolo apparecchio con la sua tecnologia e i risultati sono in genere soddisfacenti. Le ragioni per cui vale la pena acquistare barche radiocomandate per pescatori sono diverse, ma bisogna prima di tutto conoscere i tipi di pesce che si vogliono pescare. Ad esempio, con le carpe il successo è quasi sempre assicurato. Successo dovuto anche al modo in cui gli animali vengono attirati con facilità. Certo, i barchini radiocomandati potrebbero non avere un prezzo accessibile a tutti (da circa 250 € a oltre 2.000 € per quelli più performanti), ma è possibile acquistarli anche usati a costi inferiori.

Una nuova tecnica

Un tempo, la pastura andava distribuita su grandi superfici. All’occorrenza, si poteva ricorrere anche a catapulte e fionde per pescatori(secondo la tecnica all’inglese) per raggiungere lunghe distanze. Senza contare il fatto che le persone con poca esperienza potevano incontrare difficoltà nel trovare il posto con la maggiore concentrazione di pesci e, dopo averlo raggiunto magari con la barca, lanciare il mangime e aspettare anche per diverse ore. Oggi la pesca può essere decisamente semplificata usando le barche radiocomandate. Tutto quello che bisogna fare è inserire le esche negli appositi alloggi e guidarle al largo (alcune arrivano anche a 500 metri di distanza). Grazie al loro sistema audio integrato, dotato di radar, riescono a individuare le aree in cui vi è una maggiore concentrazione di pesci. Il pregio di questo tipo di attrezzature per pescatorista anche nella possibilità di raggiungere luoghi ostili, come ad esempio i canneti.

Come scegliere il barchino giusto

Quando si parla di barchini per la pesca, l’importante è scegliere un articolo valido o, perlomeno, capace di soddisfare le proprie esigenze. Ad esempio, non bisogna sottovalutare le dimensioni: i modelli più alti sono capaci di affrontare meglio le onde, ma risultano essere più vulnerabili al vento; mentre i barchini più corti sono meno sensibili al vento ma temono il mare mosso. Inoltre, non bisogna dimenticare che la grandezza determina anche la trasportabilità: basti immaginare di dover aggiungere a borse, secchi e sgabelliun ingombro notevole da portare e caricare nel bagagliaio. Anche il raggio d’azione non dovrebbe essere sottovalutato, soprattutto per chi vuole pescare in luoghi particolarmente vasti. Alcuni modelli raggiungono i 100 metri mentre altri vanno oltre i 1.500, una bella differenza.

Inviaci le tue impressioni - si apre in una nuova finestra o scheda